Orecchie. Agli autori

04 Gen

2022

Orecchie. Agli autori: la recensione del libro.
Recensione a cura di Giuseppe Mazzotta

  • Icaro world

Qualcuno ricorda le pieghe a margine dei libri con funzione di segnapagina? Chi non ne ha mai fatta una alzi la mano!
Beh, Luigi Mazzotta, nato in provincia di Lecce e residente a Roma, laureato in Scienze Politiche con indirizzo internazionale nonché esperto di formazione esperienziale le mette sotto la sua personale lente d’ingrandimento tanto da scriverne appunto un saggio con questo titolo, “Orecchie” (edizioni i Libri di Icaro). Un attimo. Le orecchie di cui si accennava sono il mezzo per mettere in evidenza un aspetto probabilmente tenuto in scarsa considerazione: l’osservazione legata alla memoria. Già perché che lo si voglia o no, i libri, quali che siano, vengono letti e talvolta riletti, in momenti particolari dell’esistenza per un motivo del quale soltanto la psiche conosce la causa reale. Non si sceglie un libro a caso. No, acquistarne uno piuttosto che un altro è un atto al quale attribuiamo una motivazione, indubbiamente giusta e corretta. Tuttavia c’è un di più del quale non siamo pienamente al corrente. In altre parole il libro è una sorta di cicerone con il compito di distrarci, farci riflettere, oppure condurci in un mondo diverso da quello che ci comprende perché forse siamo latori di un target al quale non abbiamo saputo o potuto esprimere le nostre effettive potenzialità. Poi il tempo passa, si scorda, un periodo del proprio vissuto si annulla, ciononostante la memoria immagazzina tutto. Nulla si perde malgrado le apparenze. Ecco, il saggio di Luigi Mazzotta in un certo quel modo rimpiazza le brevi amnesie cui ognuno è sottoposto. E qui entrano in campo le Orecchie, in guisa di memoria e di titolo di un volume che racconta con un linguaggio forbito episodi personali legati a frangenti di tempi passati che tuttavia non sembrano scomparsi nel gorgo della dimenticanza. In altre parole è come se l’autore si mettesse al fianco di chi sta scorrendo le pagine del libro comunicando qualcosa di sé per parlare del lettore. Ed è quanto accade mentre si scorrono le pagine o in chiusura temporanea del volume; naturalmente apponendo l’apposita orecchia a margine della pagina cui ne seguiranno altre per proseguire in un secondo momento senza perdere traccia di quanto è stato letto.
Nel libro si snodano vicende personali riemerse o quasi certamente non inghiottite dalle nebbie di un passato che non è trascorso; e che magari ha stretto una tacita intesa col presente per inoltrarsi verso il futuro. Ecco, questi aspetti offrono al lettore la cifra di un’opera capace di coniugare i tempi riportandoli alle loro giuste dimensioni: né distanti né vicini: semplicemente presenti a sé stessi e noi stessi facendoci tenere in considerazione un versante col quale sembriamo (o vogliamo) intrattenerci senza averne piena coscienza. Probabilmente quanto si legge tra le righe di questo interessante saggio a suo modo è anche una benevola tirata… d’orecchie nei confronti di chi scorda per occultarsi tra gli anfratti di un tempo dipinto come distratto; oppure un’indicazione per non perdere l’autentico senso di nli. Per concludere possiamo affermare che con questo “Orecchie” Luigi Mazzotta ha innegabilmente fatto un’operazione culturale. Sotto certi aspetti, sia pur giocosamente, ci ha fatto studiare. Il termine studio significa presenza, attenzione, interesse. Il termine interesse dal verbo latino intersum, cioè sono in mezzo, partecipo e nella forma impersonale interest vuol dire interessa: quindi prendere parte; partecipare, avere a che fare con cioè che sto trattando.
E quale attività è migliore di quella del vivere aderendo alle cose di sé, attraverso la lettura di un libro capace di evidenziare di quanti variegati fianchi siamo composti, con tanto di Orecchie a piè pagina affinché la memoria di noi continui a distribuire le carte?
“Orecchie” Luigi Mazzotta Edizioni I libri di Icaro

Infondere e raccontare le sensazioni della vita

“I libri di Icaro”

Città Futura srl - P.IVA 04391610757 - Copyrights © 2022 - Tutti i diritti sono riservati

Realizzazione: GRAPHOPRINT • Ultima modifica: 10 Gennaio, 2022