Evento

Dettagli:

Sede: Icaro Space
Viale Finlandia, 11 - Lecce
Iscrizioni: Fino al 3 settembre 2021
Data inizio: 11 Settembre 2021
Data fine: 06 Novembre 2021
Lezioni: 16 lezioni
suddivise in 8 weekend
E-mail: info@icarolibri.com
Tel.: +39 327 6956111
+39 371 1878199

-

Accademia Icaro

Percorsi di scrittura e comunicazione

Ami scrivere?
Vuoi scoprire come trasformare la tua passione in un lavoro?

Il talento non basta. Per imparare a scrivere un romanzo, a pubblicarlo e a venderlo occorrono competenze e abilità specifiche che solo i professionisti dell’editoria possono trasmetterti.

È per questo motivo che abbiamo lanciato il progetto Accademia di Icaro, una serie di percorsi di scrittura e comunicazione dedicata a chi ama scrivere e vuole trasformare la propria passione in un lavoro oppure a chi sogna di pubblicare un proprio libro, ma è consapevole di aver bisogno di solide basi teoriche e pratiche.




Accademia di Icaro: percorso di scrittura e comunicazione
I segreti per scrivere e vendere un libro

Come funziona l’Accademia di Icaro
Accademia di Icaro comincerà con un percorso di scrittura strutturato su un ciclo di incontri dal vivo che si pone l’obiettivo di trasmettere abilità e competenze trasversali e che interessano il mondo della scrittura, dell’editoria e della comunicazione.

Cosa imparerai
Il percorso mira a trasmettere il know how necessario per scrivere un testo efficace, seduttivo e commercializzabile. Scoprirai come sviluppare e articolare una trama avvincente e ti saranno rivelati i segreti dello storytelling.
L’accademia interesserà anche gli aspetti comunicativo e promozionale e illustrerà come progettare e gestire una strategia di marketing online e offline, come definire e consolidare il proprio personal branding, come trasformare la propria opera in un prodotto vincente dal punto di vista commerciale.
Non solo! Saranno dedicate lezioni specifiche, a cura di professionisti della recitazione e dello spettacolo, al public speaking. Sarà approfondito il tema dell’immagine pubblica dell’autore e verrà spiegato come gestire con successo una presentazione letteraria.
Alla fine del percorso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Tempistiche
Le iscrizioni saranno aperte fino al 3 settembre 2021. L’inizio del percorso è previsto per sabato 11 settembre 2021.




Prima parte: i ferri del mestiere

Sabato 11 settembre - Andrea Martina
La costruzione del personaggio

Domenica 12 settembre - Andrea Martina
La struttura di una storia

Sabato 18 settembre - Graziano Gala
Oltre l’italiano standard

Domenica 19 settembre - Livio Romano
Individuare il proprio stile e il proprio linguaggio

Sabato 25 settembre - Andrea Martina
Lavorare con i conflitti

Domenica 26 settembre - Andrea Martina
L’arco di trasformazione

Sabato 2 ottobre - Gabriella Genisi
Individuare il tema e il genere della propria storia

Domenica 3 ottobre - Giorgia Salicandro
Il reportage narrativo




Seconda parte: comunicare il proprio libro

Sabato 9 ottobre - Danilo De Luca
Il copywriting dello scrittore

Domenica 10 ottobre - Mario Desiati
Il mondo dell’editoria

Sabato 16 ottobre - Michela Guerra
La relazione-comunicazione nella dinamica soggettiva-intersoggettiva-professionale (1° parte)

Domenica 17 ottobre - Michela Guerra
La relazione-comunicazione nella dinamica soggettiva-intersoggettiva-professionale (2° parte)

Sabato 23 ottobre - Omar Di Monopoli
Comunicare il proprio libro

Sabato 30 ottobre - Simone Franco
Atelier della voce e della lettura (1° parte)

Domenica 31 ottobre - Simone Franco
Atelier della voce e della lettura (2° parte)

Sabato 6 novembre - Andrea Martina
Incontro finale - Rave Letterario




Per info, prezzi e iscrizioni, contattaci all'e-mail info@icarolibri.com o ai numeri 327 6956111 e 371 1878199.

Oppure compila il form.


Accademia Icaro

PRENOTA IL PERCORSO

Accetto le condizioni e il trattamento dati esposti nella privacy

DOCENTI E OSPITI DEL CORSO

Accademia

Le lezioni saranno condotte da 9 professionisti della scrittura, della cultura e della comunicazione. Tra i collaboratori, saranno presenti firme di primo livello del panorama letterario regionale e nazionale, esperti di marketing e digital Pr, performer, attori e artisti, tutti con un’esperienza pluriennale nelle relative discipline.

Saranno due i profili di formatori dell’accademia: docenti e ospiti: i primi sono collaboratori della casa editrice I Libri di Icaro, coinvolti attivamente nelle attività quotidiane dell’editore e parte integrante dell’organico aziendale. I secondi sono amici di I Libri di Icaro, professionisti dei rispettivi ambiti che hanno scelto di aderire all’iniziativa portando il proprio sapere e la propria esperienza all’interno dei nostri percorsi di scrittura, contribuendo così ad arricchire in modo significativo il percorso di formazione.

Accademia

ANDREA MARTINA

Andrea Martina (1990) è uno scrittore, sceneggiatore e autore teatrale.
Ha pubblicato i romanzi Fratelli di strada (Il FIlo, 2012), C'è chi dice No (Lupo Editore, 2015) e La terza stagione (2019). Per il teatro ha scritto e interpretato gli spettacoli Il Gigante - la vita nel carbone (2015), Amata terra mia - Domenico Modugno prima del mito (2016) e Gino Bartali (2020). Ha realizzato anche lo spettacoli Il mediterraneo di De André da cui sono stati ricavati un omonimo saggio pubblicato nel 2017 e una tournée di un anno e mezzo con più di 100 date in tutta Italia.
Collabora con "LOST - L'Osservatorio delle Serie Tv" dell'Università del Salento. In ambito audiovisivo ha realizzato come sceneggiatore e aiuto regista il cortometraggio Turno di notte (2021) diretto da Angelo Cascione, mentre figura come sceneggiatore e produttore in diversi spot pubblicitari (Passo a due, Il mare ti aspetta) e videoclip.
È docente di sceneggiatura e scrittura creativa per School Masters Team. Dal 2021 collabora con la casa editrice I libri di Icaro in qualità di curatore della collana di narrativa.


Accademia

GRAZIANO GALA

Nasce a Tricase nel 1990, si trasferisce in Lombardia per insegnare storia e italiano da docente precario.
Ha pubblicato racconti su minima&moralia, Risme, Narrandom, Crapula, Argo, Settepagine, Verde e Neutopia.
È redattore della rivista Il Loggione Letterario, collaboratore di Risme e direttore artistico di Dal borgo altrOve, Sperimentare il Sud. Scrive di calcio per Quattrotretre.
Nel 2021 ha pubblicato per minimum fax Sangue di Giuda.


Accademia

LIVIO ROMANO

Livio Romano è nato a Nardò (LE) nel 1968. Laureato in giurisprudenza, dottore di ricerca in Storia della letteratura italiana, insegna materie umanistiche e diritto in un CPIA. Docente di narrazione in Università, licei e associazioni varie in Italia e all’estero, collabora con le pagine culturali baresi del Corriere della sera.
Ha pubblicato tre racconti in Sporco al sole (Besa-Books brothers, 1998), un racconto in Disertori (Einaudi, 2000) e i romanzi Mistandivò (Einaudi, 2001), adottato dalla NY University e da Harvard, Porto di mare (Sironi, 2002), Niente da ridere (Marsilio, 2007), messo in scena allo Smoke Alley Theatre di Dublino con grande successo di pubblico, Il mare perché corre (Fernandel, 2011), Diario elementare (Fernandel, 2012), adottato dall’Università di Aosta e del Salento, Per troppa luce (Fernandel 2016), finalista al Libro dell’anno di Fahrenheit nel 2017, oltre a molti racconti per antologie, quotidiani, riviste.
Ha curato per Radio Rai 3 i radio reportage Gli uomini dalla testa di girasole e Diario elementare e il radiodramma Il fascino mite delle travi di legno. Nel 2005 ha scritto e pubblicato per Big Sur il lungo reportage dalla Bosnia Dove non suonano più i fucili.

Hanno scritto di Romano:
“[...] viene da chiedersi: non sarà che nella vena espressiva di Livio Romano scorra la prosa d’un gigante della letteratura, Carlo Emilio Gadda?” (Daniela Carmosino, L'Indice dei libri del mese su Per troppa luce)

“Una lingua sorvegliatissima dal registro a volte mirabolante, ben ancorato a un equilibrio espressivo che ha del miracoloso”. (Stefano Giovanardi, la Repubblica)

“Romano va in giro col magnetofono per restituirci istantanee di realtà”. (Renato Barilli, Corriere della sera)

"Il meglio di questi Disertori [antologia Einaudi] è dato dal gioco comico-ironico del lucano Gaetano Cappelli e del pugliese Livio Romano". (Giulio Ferroni)

“Livio Romano ha scritto un libro che iperillumina il lato oscuro della provincia italiana. Gran bel romanzo, sensualmente visionario, realisticamente sensuale. Porta al diapason il genere-commedia: una goduria per i sensi e per la mente”. (Gaetano Cappelli su Per troppa luce)

“Romano gioca con la lingua, o meglio con le lingue, le mescola, le trasforma, le deforma, in un divertimento tutto suo da cui però il lettore non viene mai escluso, estraniato; il ritmo della narrazione è talmente serrato e i diversi linguaggi si alternano con una velocità tale da avvilupparlo, imbrigliarlo quasi in questo continuum fatto dell’altalenante passaggio da una lingua all’altra, dell’intarsio infinito di forme e registri, della fluttuante mescidanza di forme narrative.”. (Maria Carosella, La narrativa neodialettale in Puglia. Saggi su Carofiglio, Genisi, Romano, Lopez, Cacucci editore)

“Un movimento convulso, ma non per questo un falso movimento”. (Roberto Duiz, Alias - Il Manifesto)

“La penna di Livio Romano è attenta, accurata e dove occorre anche colorita”. (Luca Benedetti, Pulp)

“Livio Romano è un eccellente scrittore. Malmenato dall'editoria, che lo trova troppo difficile, troppo artista, troppo troppo scrittore. I suoi libri meriterebbero pubblicazioni in pompa magna. Ma l'establishment culturale lo respinge”. (Giulio Mozzi)

“In questo romanzo civile [Porto di mare] Romano racconta filando via con un piglio che ricorda i reportage di colore tondelliani”. (Andrea Bajani, Pulp)


Accademia

GIORGIA SALICANDRO

Classe 1985, giornalista, vive a Lecce. Si occupa di fenomeni sociali, letteratura, musica, teatro, cinema. Negli anni ha sviluppato una speciale attitudine al racconto di storie di vita, legate in particolare alle migrazioni. A questo tema ha dedicato due rubriche sul giornale Nuovo Quotidiano di Puglia, raccolte successivamente nei libri I nuovi salentini. Storie di chi è arrivato nel Tacco d’Italia, Tau Editrice/Fondazione Migrantes 2020, e Torno quando voglio. Storie di salentini all'estero, oggi Milella 2016. Per quest’ultimo lavoro ha vinto il Premio giornalistico Antonio Maglio 2017.
È redattrice del Rapporto italiani nel mondo della Fondazione Migrantes, per le cui edizioni 2017 e 2019 ha scritto di cucina come veicolo di export culturale e musica della nuova emigrazione italiana all’estero. È in preparazione lo studio per l’edizione 2021, dedicato agli artisti italiani nel mondo al tempo della pandemia.
Collabora con Immezcla, quotidiano online su migrazioni e migranti in Italia e nel Mediterraneo, per il quale realizza articoli long-form di approfondimento. Firma la rubrica “Casa. L’Italia da lontano” sulla rivista online BlogFoolk, in cui ospita storie di musicisti italiani che hanno scelto di vivere fuori.
Ha collaborato in qualità di consulente alla Guida alle radici italiane. Un viaggio sulle tracce dei tuoi antenati dell’associazione Raiz Italiana, promossa dal MAECI (prima edizione 2019, seconda edizione 2021).
Ha collaborato, in qualità di producer, con il programma d'inchiesta “Avenue de l'Europe” e con il programma “Nous, les Européens” di France Télévision.
Ha prodotto i testi del libro Ricette scumbenate. Dodici storie pop di cucina atipica salentina (Edizioni Scumbenate 2017). Suoi anche i testi del LookBook realizzato per l’edizione 2017 della Festa di Cinema del reale.
Nell'estate 2016 ha realizzato, con il fotografo Daniele Coricciati, il reportage narrativo Salentitudini tondelliane. Trent’anni dopo Ragazzi di piazza, sulle tracce di Pier Vittorio Tondelli nel Salento pubblicato sul blog letterario Nazione Indiana con il patrocinio del Comune di Correggio e dell'Università del Salento.
Cura la comunicazione di progetti artistici, culturali, sociali e d'impresa, occupandosi di rapporti con la stampa, social media, storytelling. Come storyteller ha collaborato, tra gli altri, con Teatro Koreja, Festival Armonia – Narrazioni in Terra d’Otranto, Ponderosa Music & Art, Compagnia Tarantarte, la Fabbrica dei Gesti.
Nel 2019 ha curato il progetto Bach is Back, rassegna musicale transadriatica ideata da Redi Hasa, promossa da Ponderosa Music & Art con il sostegno della Regione Puglia.
Salentina di nascita e per scelta: vive al Sud perché ama il Sud, ma restando fedele a una prospettiva “glocal”. Il suo percorso si evolve con la sua biblioteca e le sue avventure nel mondo.


Accademia

DANILO DE LUCA

Sono Danilo De Luca e mi occupo di copywriting dal 2012.
Professionalmente, sono nato nel mondo digitale: la prima azienda in cui ho lavorato era un’agenzia web di Lecce. Lì ho iniziato ad occuparmi di content marketing e di editing per il web. Ho proseguito il mio percorso a Milano, tornando a Lecce dopo poco meno di due anni e continuando a rivestire il ruolo di content manager per un’agenzia del posto.
Nel 2019, ho maturato la scelta di intraprendere la strada del freelance, avviando la mia attività autonoma di copywriter e consulente per le aziende in ambito comunicazione e branding digitale.
Sono laureato in Scienze della Comunicazione (2010 – Università del Salento) e specializzato in comunicazione e pubblicità per le organizzazione (2013 – Università degli Studi di Urbino).


Accademia

MICHELA GUERRA

Michela Guerra è laureata in Pedagogia presso l’Università di Lecce. Psicopedagogista, docente di filosofia e scienze dell’educazione presso scuole superiori, da anni è impegnata nella formazione di docenti e professionisti che, a diversi livelli e profili, operano nel sociale. È consulente nel campo delle problematiche connesse alla disabilità e minori, ai servizi socio-educativi alla persona e alla famiglia. Autrice di numerosi articoli su riviste specializzate e del libro edito per i libri di Icaro dal titolo “L’Artigianato Formativo”. Per l’autrice fare formazione non vuol dire semplicemente acquisire nozioni, ma anche e soprattutto imparare ad ascoltare, mettersi in discussione, entrare nella vita, tua e degli altri.


Accademia

SIMONE FRANCO

Attore, regista, performer, di formazione antiaccademica, si lega alla pratica laboratoriale presso i maggiori esponenti del Teatro di Ricerca nazionali ed internazionali (Pippo Delbono, Living Theatre, Odin Teatret, Danio Manfredini, Carmelo Bene, Carlo Quartucci, Carla Tatò, Armando Punzo, Tapa Sudana, Nikolaj Karpov, Anatolij Vasiliev). Come regista ha scritto diverse drammaturgie, rivolgendo particolare attenzione a temi quali il disagio psichico, l’immigrazione e la persecuzione politica. Ha condotto laboratori, in centri di detenzione, in contesti di cura (DSM, Centri Diurni, case famiglia, Anfaa), con non vedenti e sordo-muti. Come attore ha partecipato a numerosi spettacoli con registi italiani ed esteri

Accademia

GABRIELLA GENISI

Gabriella Genisi (Bari, 1965) è una scrittrice. Suo il personaggio del Commissario Lolita Lobosco, definita dalla critica la Montalbano al femminile e protagonista di una fiction televisiva andata in onda nel 2021 su Rai 1 interpretata da Luisa Ranieri e di otto romanzi editi da Sonzogno e ripubblicati di recente nella Collana Universale Economica Feltrinelli. La circonferenza delle arance (2010) Giallo ciliegia (2011) Uva noir (2012) Gioco pericoloso (2014) Spaghetti all’Assassina (2015) Mare nero (2016) Dopo tanta nebbia (2017). La Pizzica amara (Rizzoli 2019) La circonferenza delle arance, Giallo Ciliegia, Uva noir (Edizione UE Feltrinelli 2020) I quattro cantoni (Sonzogno Marsilio 2020).
Ha vinto molti premi letterari e suoi racconti sono presenti in antologie. Alcuni suoi articoli sono pubblicati sulle più importanti testate nazionali. In un sondaggio del Corriere della sera, insieme a Camilleri è risultata la giallista più amata in Italia. Il suo libro Pizzica amara è stato inserito tra i libri più belli del 2019 dalla redazione de La Lettura del Corriere. Il suo ultimo libro è La regola di Santa Croce, Rizzoli, 2021. Collabora con Repubblica e Tuttolibri della Stampa.

Dicono di lei e del personaggio:
"Leggetela, potrebbe diventare la Camilleri pugliese" (Vanity Fair)
"Una delle scritture più interessanti del nostro Paese" (Massimo Carlotto)
“La Camilleri della Puglia” (La Stampa)
“Ho letto i suoi libri e sono rimasto folgorato.” (Luca Zingaretti)


Accademia

MARIO DESIATI

Mario Desiati (1977) Ha vissuto a Martina Franca, oggi vive a Roma dove è stato capo-redattore della rivista Nuovi Argomenti ed editor junior della Mondadori. Dal 2008 al 2013 si è occupato della direzione editoriale di Fandango Libri. Dal 2015 è direttore artistico del Festival di narrazioni in Terra d'Otranto Armonia.
Dopo la laurea in giurisprudenza conseguita a Bari nel 2000, ha cominciato a collaborare con quotidiani e case editrici locali.
Ha esordito come poeta e risulta incluso nelle antologie I poeti di vent’anni (Stampa, 2000) e Nuovissima Poesia Italiana (Mondadori 2004).
In prosa ha pubblicato il romanzo Neppure quando è notte (peQuod 2003).
Nel 2004 è uscita la plaquette di poesia Le luci gialle della contraerea (Lietocolle).
Nel 2005 ha curato l’Album Pasolini (Mondadori).
A Marzo del 2006 è uscito Vita precaria e amore eterno per la collana Strade blu della Mondadori con il quale ha vinto il premio per l’impegno e la letteratura civile Paolo Volponi.
Nel 2006 ha curato l’antologia sul lavoro precario: I laboriosi oroscopi (editcoop).
Per Minimum Fax nel 2007 è ha curato Voi siete qui Best Off, il meglio delle riviste italiane.
La raccolta di poesie Inverno compare nel IX quaderno di poesia italiana (Marcos y Marcos).
Collabora con L'Unità e Repubblica.
Nel settembre 2008 è uscito il suo terzo romanzo Il paese delle spose infelici (Mondadori) con il quale ha vinto il Premio Mondello. Sempre nel 2008 ha curato le antologie Ad occhi aperti (Mondadori) e Il lavoro e i giorni (Ediesse).
Nel 2009 ha pubblicato Foto di classe con Laterza.
Nel 2011 è uscito il romanzo Ternitti (Mondadori), finalista premio Strega. Dello stesso anno è il film Il paese delle spose infelici, tratto dall’omonimo romanzo e presentato al Festival del Cinema di Roma.
Nel 2013 ha pubblicato il romanzo Il libro dell’amore proibito (Mondadori), infine nel 2014 è uscito il libro per ragazzi Mare di Zucchero (Mondadori).
Nel 2015 sono usciti i libri La notte dell'innocenza (Rizzoli), sulla strage dello stadio Heysel e la storia per bambini Ali ai piedi (Mondadori).
Gli ultimi due romanzi sono stati pubblicato con Einaudi Candore (2016), Spatriati (2021).
Dal 2020 è tra i conduttori e autori de Le Meraviglie su Radio 3. Collabora con La Repubblica.


Accademia

OMAR DI MONOPOLI

Scrittore e sceneggiatore.
Dopo aver lavorato per un decennio all'interno di numerose piccole realtà editoriali del Salento, dove vive, si è affacciato nel panorama culturale nazionale nel 2007 entrando a far parte del catalogo delle edizioni milanesi ISBN con il romanzo Uomini e cani (Premio Kilhgren Città di Milano, presto al cinema), cui sono seguiti nel 2008 Ferro e fuoco, nel 2010 La legge di Fonzi e nel 2014 la raccolta di racconti Aspettati l’Inferno.
Nel 2017 è approdato nel catalogo della casa editrice Adelphi, per la quale ha pubblicato Nella perfida terra di Dio (tradotto in Spagna e in fumetti da Sergio Bonelli Editore) e la ristampa di Uomini e cani (2018).
Il suo prossimo romanzo, Figli della cenere, in uscita per l’estate 2021, sarà invece targato Feltrinelli.
Insegna comunicazione e scrittura creativa per la Scuola Holden.
Per Radio Rai3 ha scritto il radiodramma L’Uomo Termoionico.
Ha scritto per il cinema e per il web; suoi articoli e recensioni sono periodicamente pubblicati su riviste e antologie. Collabora con La Stampa, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano e Rolling Stones Italia. È stato in giuria nella 33° edizione del Premio Calvino.


Infondere e raccontare le sensazioni della vita

“I libri di Icaro”

Città Futura srl - P.IVA 04391610757 - Copyrights © 2021 - Tutti i diritti sono riservati

Realizzazione: GRAPHOPRINT • Ultima modifica: 30 Agosto, 2021