Leggere fa bene

09 Mar

2019

Leggere fa bene alla mente e all’anima

  • Giovanna Ciracì

“Se incontriamo un uomo di grande intelligenza dovremmo chiedergli che libri legge” diceva Ralph Emerson. Una frase molto significativa, che racchiude tutta l’importanza della lettura. Si dice anche che essa sia cibo per la mente. Studi scientifici dimostrerebbero quanto sia salutare dedicare un po’ del proprio tempo a leggere. Per molti un hobby, un modo per passare il tempo libero, per altri una vera e propria passione, per altri ancora un’inevitabile necessità. Da pagine piene di inchiostro si possono trarre numerosi benefici, soprattutto per il nostro cervello. E allora andiamo alla scoperta di questi benefici. In realtà sono davvero tanti, cerchiamo di conoscerne i principali.

Partiamo dal primo. Leggere migliora le nostre competenze linguistiche poiché è un metodo utilissimo per apprendere nuovi vocaboli, arricchire il proprio dizionario, imparare a scegliere le parole giuste ed esprimere al meglio i concetti. Saper parlare bene rende più sicuri di sé, l’individuo risulta più convincente e aumenta di conseguenza la propria autostima. Se scegliamo un testo con argomenti interessanti, miglioriamo non solo il modo con cui comunichiamo, ma anche la qualità di quello che vogliamo dire, ampliando sempre più il nostro bagaglio culturale. Diversi studi hanno dimostrato che leggere aumenta determinate capacità cognitive come la concentrazione, la memoria e l’intuito. Nello specifico, libri come romanzi gialli o saggi filosofici stimolerebbero ancora di più la mente del lettore, portandolo a ragionare e a riflettere. Tutto ciò, nel complesso, aiuterebbe a tenere allenata la mente, rallentando, di conseguenza, il processo di invecchiamento cerebrale e allontanando, quindi, malattie come il morbo di Alzheimer o la demenza senile.


La lettura stimola il nostro cervello e allontana le cattive sensazioni


Un buon libro sarebbe inoltre un metodo efficace per combattere lo stress quotidiano che tanto appesantisce le nostre giornate. Immergersi in storie narrate in maniera avvincente allontana ansie e preoccupazioni, e non solo la nostra mente, ma anche la nostra anima si arricchisce di sensazioni positive, mentre spariscono quelle negative. Uno strumento infallibile per rilassarsi e ritrovare quella tranquillità interiore che spesso si perde a causa degli impegni giornalieri. È stato dimostrato che leggere combatte lo stress il 68% in più dell’ascoltare musica, e addirittura più del 300% di una camminata. C’è chi afferma che la lettura diminuisca il senso di solitudine in quanto gli stessi libri e i loro personaggi diventano piacevoli compagni con cui passare il proprio tempo. Si dice, infine, che chi legge risulti più abile nell’ambito lavorativo e ottenga stipendi più alti, oltre a essere più capace nella gestione delle faccende familiari e dei rapporti personali.

Tutti questi benefici aumenterebbero durante l’età della crescita. Un bambino che legge ha maggiori possibilità di sviluppare al meglio le sue capacità relazionali e la sua conoscenza del mondo, mentre leggere insieme al proprio figlio rafforzerebbe il legame affettivo con lui e lo preparerebbe all’apprendimento, stimolando la sua curiosità.

Leggiamo quindi quanto più possibile, quando siamo in vacanza, la sera prima di addormentarci o nei momenti in cui vogliamo rilassarci. Alimentiamo la nostra fame di libri, godiamoci tutto che ciò che un testo può regalarci, un oggetto semplice ma prezioso allo stesso tempo. La nostra mente ci ringrazierà.

Infondere e raccontare le sensazioni della vita

“I libri di Icaro”

Città Futura srl - P.IVA 04391610757 - Copyrights © 2021 - Tutti i diritti sono riservati

Realizzazione: GRAPHOPRINT • Ultima modifica: 15 Marzo, 2019